AUTONOMIA

 

AUTONOMIA

In termini filosofici ed etici l’a. è una caratteristica secondo cui, specie dopo​​ ​​ Kant, è pensata modernamente la​​ ​​ libertà. Nella riflessione pedagogica, questo tema si presenta come un interrogativo dai precisi contorni: se l’apprendimento delle qualità sociali debba essere «diretto» ovvero «indiretto» ovvero ancora se debba o meno esistere una differenza fra i tratti richiesti alla personalità soggettiva per essere tale e quelli dell’apparato sociofunzionale in cui essa nasce, si svolge ed infine si inserisce.

1.​​ Motivi.​​ Il punto cruciale di svolta si è verificato con la riconduzione del processo educativo al principio del «continuum dell’esperienza» (​​ Dewey), per cui non è possibile separare la meta dal cammino, il traguardo dal percorso ed il prodotto dal processo, in quanto un criterio costitutivo di connessione-congruità (continuum)​​ ne lega tutti i punti, momenti e passaggi. Il primo tema essenziale della prospettiva dell’a. come categoria pedagogica va quindi ricercato e ritrovato nel rispetto della legge di personalizzazione, in virtù della quale soltanto l’esercizio diretto, coerente e concreto del cammino (proceduralità) permette il conseguimento delle qualità volute come esito (terminalità). Non ci può allora essere una società delle a. se non attraverso un’educazione che avvenga nell’a. (dove, cioè, lo svolgersi «per l’a.» non è separabile dall’essere «nell’a.»). Anche la​​ ​​ scuola rientra in questo orizzonte in quanto costituisce essa stessa un momento «generativo» (efficace, adeguato, aperto al futuro) della realizzazione del progetto educativo. Ora, il massimo di speranza progettuale perché la scuola (ogni singola scuola) raggiunga il suo coefficiente più elevato di valenza educativa (qualità pedagogica) coincide con il minimo di assimilazione alla burocratizzazione funzionale, relazionale e culturale. L’a. si presenta, pertanto, come il più elevato punto di sutura concettuale per la pensabilità della scuola, come luogo di promozione dell’intelligenza e come qualità complessiva del soggetto e del sistema.

2.​​ Linee.​​ Alcune linee operative rivestono una particolare e specifica importanza per trasferire queste indicazioni dal terreno semplicemente teorico a quello dell’attuazione concreta: a) sviluppare un rapporto più dinamico fra la programmazione nazionale-centralizzata e la​​ ​​ progettazione di scuola (istituto) e di classe; b) incrementare le occasioni di autogoverno e di responsabilizzazione diretta degli studenti; c) aiutare le scuole ad affrontare e superare con la loro iniziativa problemi e difficoltà; d) rilevare e valorizzare i risultati e le innovazioni conseguite dalle scuole. In questo senso l’a. rappresenta la​​ modalità di essere​​ di una scuola pienamente educativa, la​​ modalità di operare​​ di una scuola pienamente efficace e la​​ modalità di funzionare​​ di una scuola pienamente professionalizzata, protesa a promuovere persone libere e responsabili.

Bibliografia

Crema F. E. - G. Pollini (Edd.),​​ Scuola,​​ a.,​​ mutamento sociale,​​ Roma, Armando, 1989; Dalle Fratte G. (Ed.),​​ A. della scuola e sviluppo formativo,​​ Trento, Unoedizioni, 1994; Paino A.- G. Chiosso - G. Bertagna,​​ L’a. delle scuole, Brescia, La Scuola, 1997; Falanga M.,​​ Il Regolamento dell’a. scolastica. Lettura e commento, Ibid., 2001.

C. Scurati

image_pdfimage_print