Home > Thesaurus> OPERATORI (della catechesi)

OPERATORI (della catechesi)

image_pdfimage_print

[di Emilio Alberich]

Per OdC si intendono in generale tutti coloro che, a titolo diverso, partecipano in forma attiva all’organizzazione e realizzazione dell’opera cat.

Parlando degli OdC è possibile distinguere le diverse funzioni o ruoli svolti all’interno dell’azione cat. (organizzazione, coordinamento, programmazione, animazione, realizzazione, verifica, ecc.), oppure più frequentemente, nei documenti e autori, enumerare le diverse persone impegnate concretamente nello svolgimento della C.: genitori, catechisti, insegnanti, sacerdoti, religiosi, vescovi (cf per es. CT 61-72; RdC 182-198).

Per ciò che riguarda il problema globale degli OdC (per le esigenze e problemi dei diversi tipi di O. rimandiamo alle singole voci), sono da segnalare, come istanze e problemi nel panorama cat. attuale, i seguenti:

1. È da sottolineare, anzitutto, che il vero e proprio OdC è il Cristo, per mezzo dello Spirito. Non si deve mai dimenticare nella C. «che solo Cristo insegna, mentre ogni altro lo fa nella misura in cui è il suo portavoce consentendo al Cristo di insegnare per bocca sua» (CT 6). L’opera di Cristo si realizza anzitutto per mezzo dello → Spirito, il Maestro interiore, sicché la C. va considerata in primo luogo come «opera dello Spirito Santo, opera che egli soltanto può suscitare e alimentare nella Chiesa» (CT 72). Questo assoluto protagonismo di Cristo e dello Spirito non sopprime in modo alcuno il ruolo degli O. umani della C., ma lo situa nella giusta prospettiva.

2. Una seconda istanza, fondamentale, a proposito degli OdC è la corresponsabilità e partecipazione solidale di tutta la comunità ecclesiale nel compito della C.: «La C. è stata sempre e resterà un’opera di cui tutta la Chiesa deve sentirsi responsabile» (CT 16). In questo senso, la C. è un compito che «impegna veramente tutti i fedeli, ciascuno secondo le proprie condizioni di vita e secondo i doni particolari o carismi» (Messaggio Sinodo 77, 12). Se in altre epoche, lungo la storia, la C. ha potuto essere considerata come opera prevalente o quasi esclusiva del clero, o di catechisti specializzati, o anche di altre persone (genitori, insegnanti) chiamate a «collaborare», oggi è viva la consapevolezza del fatto che «responsabili del servizio cat. non sono anzitutto i detentori di determinati uffici, ma i fedeli nella loro globalità» (Das katechetische Wirken, 1978, A.4). Non quindi soltanto in forma derivata o secondaria, né in virtù di un eventuale «mandato», ma in base ai sacramenti del battesimo e della confermazione ogni cristiano può e deve essere agente di C.: «Ogni cristiano è, per sua natura, un catechista» (RdC 183). In prospettiva ecclesiale si può affermare che il primo e vero catechista, nella comunità cristiana, è la comunità stessa.

3. Nella comunità cristiana non tutti sono OdC allo stesso modo. Esiste difatti una responsabilità «differenziata ma comune» (CT 16) e quindi un’articolazione dei ruoli e compiti cat. a seconda della propria missione nella Chiesa. Ed è importante sottolineare che questa differenziazione non moltiplica soltanto in senso quantitativo gli OdC, ma ne deve garantire anche la varietà qualitativa, cioè modi e stili differenziati di C. Deve essere preoccupazione particolare di comunità e pastori quella di stimolare, scoprire e potenziare tutta la ricchezza di ministeri e carismi cat. della comunità (cf CT 16). E in questo senso l’azione cat. degli O. con particolare responsabilità (come i pastori, i religiosi, gli operatori intermedi) dovrebbe consistere più nella promozione e stimolazione di altri OdC che non nell’esercizio diretto dell’opera cat.

4. Altre istanze o esigenze, in riferimento agli OdC, possono essere elencate:

— la ricerca di equilibrio tra autonomia e disciplina ecclesiale nell’esercizio concreto delle diverse responsabilità cat.;

— la coscienza che non si è mai soltanto OdC ma anche → destinatari, in quanto la C. va concepita come cammino e crescita comune nella fede;

— la necessità di coordinamento e armonizzazione tra le attività cat. dei diversi O.;

— soprattutto: il problema, quanto mai urgente e decisivo, della adeguata formazione dei diversi OdC.

Bibliografia

E. Alberich, Catechesi e prassi ecclesiale, Leumann-Torino, LDC, 1982, 137-147; J. Colomb, Al servizio della fede, vol. 2, ivi, 1970, libri V-VI; A. Exeler, Wesen und Aufgabe der Katechese, Freiburg, Herder, 1966, 167-219; Das katechetische Wirken der Kirche, in L. Bertsch et al. (ed.), Gemeinsame Synode der Bistumer in der Bundesrepublik Deutschland, Ergänzungsband, ivi, 1978, 31-97.

Related Voci

You may also like...